Come arredare con Waterlily

Stile, eleganza, originalità e materiali selezionatissimi sono i punti di forza di Malabar. Quest’azienda nasce in Portogallo a Oporto nel 2012 producendo chitarre con decori caratteristici portoghesi. Nel corso degli anni ha esteso la produzione anche proponendo collezioni di arredamento che ne hanno fatto un leader indiscusso in Europa. Lo stile artigianale che si fonde in modo perfetto con le tecniche moderne per la realizzazione di mobili è il punto di forza di Malabar.

waterlily3

Una delle collezioni che ci è piaciuta di più è la World Architects. Essa comprende la serie Waterlily con tavoli bassi da caffè, centro tavola e tavolinetti con un unico piedistallo e specchi.

waterlily1waterlily

La World Architects vuole essere un omaggio a tutti i più grandi progettisti della storia ed è prodotta in serie limitata. Questa collezione è davvero unica. Ha un marcato accento moderno e minimale ma il suo è un carattere caldo e deciso. Le sue forme sono morbide e pacate pur esprimendo forte carattere. Il risultato è una linea raffinata ed estremamente elegante.

waterlily4

La Waterlily è una serie di tavolinetti bassi. La superficie del piano è realizzata in legno di Caviuna e le gambe e i bordi invece sono in contrasto con il caldo colore del legno essendo laccati in nero. Questi mobili esclusivi sono stati creati ad omaggio di uno dei più grandi artisti del XX secolo: Frank Lloyd Wright. Il motto di quest’indiscusso pioniere dell’architettura moderna era : ” Studia la natura, ama la natura e stagli vicino. Essa non ti deluderà mai“. E proprio alla natura è ispirata la serie Waterlily che con il suo piano il legno e le sue linee morbide ma semplici richiama in maniera prepotente la natura e la sua bellezza informale ma decisa e assolutamente elegante.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>