Come vivere in una casa in verticale

Nei centri storici dei paesi e nelle grandi città è possibile imbattersi in piccole case a schiera, unite su due o più lati e che si sviluppano in verticale. Si tratta di case molto piccole e talvolta scarsamente illuminate e per questo risultano essere una scelta molto scomoda per vivere perché non si sa mai come poter distribuire lo spazio e rendere gli ambienti più ariosi e luminosi.

agence sml3

 

Lo studio di architettura Agence SML di Parigi si occupa da anni del restauro di queste piccole case che per loro rappresentano una sfida. Tanto per farvi capire vi illustrerò uno dei loro progetti: il Tower Apartment. Si tratta di una casa che si sviluppa ovviamente in verticale. I piani a disposizione degli architetti sono un seminterrato, un piano terra, un primo piano e un mezzanino per una superficie di circa 25 metri quadrati per piano esclusa il mezzanino. Ecco come si sono organizzati: per prima cosa hanno dedicato ad ogni livello una funzione specifica. Quindi al piano seminterrato hanno posto il bagno. al piano terra un piccolo open space con cucina e zona giorno. Il primo piano è dedicato come studio e spogliatoio e nel mezzanino hanno collocato la camera da letto.

agence sml2

La sfida più grande per l’Agence SML era la luce. Infatti l’unica apertura era sul tetto attraverso dei lucernari. Hanno risolto il problema usando una scala con gradini vuoti e usando colori chiari per gli ambienti. Inoltre hanno usato una griglia metallica nel livello dello studio per far permeare la luce negli ambienti più bassi. Arredi ovviamente minimali perché comunque si tratta pur sempre di uno spazio piccolo, ma il tutto è funzionale e pratico. E la casa sembra essere anche più grande di quello che in realtà è.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>