Come arredare con gli specchi gocciolanti

Siamo rimasti davvero stupiti quando ci siamo imbattuti per la prima volta in questi specchi. La loro capacità di confondere la percezione visiva è sorprendente. In effetti da molti anni oramai lo specchio inteso come oggetto da usare è passato in secondo piano per essere soppiantato da un uso più artistico di questo complemento arredo. Le forme sono cambiate e molti e diversi designer hanno proposto lo specchio in abiti poco comuni. Ma il lavoro svolto con gli specchi gocciolanti è davvero incredibile.

L’opera è frutto del lavoro in tandem dell’art director Rikako Nagashima e del designer Hideto Hyoudou. Il nome dell’opera è Mizugami ossia “specchio d’acqua”. E proprio come specchi d’acqua e gocce questo specchio sembra muoversi. Il progetto è stato presentato in una piccola stanza dove l’istallazione dell’opera ha avuto luogo. Un tavolo apparecchiato e in completa confusione, oggetti vari e l’illusione che sul tavolo ci sia dell’acqua rovesciata.

In più per amplificare la percezione dello spazio all’interno della stanza è stato collocato un testo che dice: “When water is still, it reflects our world as is. Beautiful or horrid, chaos or neat, light and shadow, accepting it all.” ( quando l’acqua è ferma, riflette il mondo esattamente come è. Bello o terribile, caos o ordine, luce e ombra, accettando tutto).

Specchi meravigliosi e affascinanti che danno una percezione di movimento e staciticità al contempo. Sono disponibili in diverse forme e dimensioni e sono facilmente collocabili in ogni ambiente domestico per diventarne i veri protagonisti!

Commenti

  1. Gloria dice

    Molto belli gli specchi gocciolanti. Mi sapete dire come e dove si possono avere informazioni per il loro acquisto? Grazie molte

Trackbacks

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>