Come arredare con Mutina Ceramiche

Un’azienda italiana che ha fatto del design della ceramica una nuova scoperta. Attraverso l’abbatimento del comun pensiero di ridurre la ceramica a mera finitura, Mutina Ceramiche crea vere e proprie opere d’arte. Mutina Ceramiche si trova in provincia di Milano e può vantare prestigiosi riconoscimenti in campo sia nazionale che internazionale e collaborazioni importanti con designer di fama mondiale. Tra loro vi segnaliamo alcune opere riconducibili a Patricia Urquiola.

mutina2

Al Salone del Mobile di Milano appena concluso Mutina ha presentato una nuova collezione realizzata proprio in collaborazione con la Urquiola. Si tratta di Tierras, una collezione nata dalla fusione di otto tipi diversi di lave, terrecotte che donano alle ceramiche un aspetto solido, tangibile e concreto. I colori caldi della terra in tutte le tonalità che riportano a un concetto di naturalità e contatto con le proprie radici. Ceramiche perfette per qualsiasi tipo di arredamento che donano all’ambiente domestico un sapore familiare.

mutina

Altra collezione che ci piace tanto e sempre realizzata in collaborazione con la Urquiola è Azulej che risale al 2012. Si tratta di una rivisitazione in chiave moderna delle più classiche maioliche in cemento idraulico. Attraverso un programma di digitalizzazione del colore, partendo dai colori base bianco, nero e grigio sono stati ricavati ben 27 colori. Le combinazioni e i disegni disponibili sono moltissimi. una collezione dal sapore retrò ma con un occhio puntato sulla modernità. Perfette se il vostro stile è moderno con un tocco di vintage.

Vi invitiamo come sempre a una visita al sito dell’azienda per un approfondimento sulle altre collezioni disponibili, perché siamo sicuri troverete di sicuro la maiolica che fa per voi!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>