La collezione di Qiyun Deng: posate come ortaggi

 

Le plastiche biodegradabili sono diventate così raffinate che è spesso difficile distinguerle da quelle che non lo sono affatto. La  Designer Qiyun Deng spera di fare la distinzione inconfondibile con una linea di nuove posate ecologiche ispirate e fatte da vegetali.

La designer cinese si è servita di una plastica biodegradabile a base di piante per contrastare l’impatto ambientale. Questa eco -plastica usata è così simile in tutti gli aspetti alla verdura dalla quale è realizzata che   spesso difficile distinguere ciò che gli oggetti dalla verdura vera e propria.

La collezione di  Qiyun Deng  comprende cucchiai , forchette, coltelli, ciotole e bicchieri  che riprendono le forme di  verdure. Ad esempio i gambi di sedano si trasformano in forchette , le bucce di mais diventano coltelli , e una piccola carota un cucchiaio per  bambini .

La collezione si chiama Graft  e porta in tavola stile con un tocco di surrealismo , a una categoria che normalmente viene trattata con un poco riguardo: la posateria monouso . Deng ha trasformato infatti un oggetto completamente usa e getta in un prodotto che racconta una storia: “E ‘un materiale bello che merita attenzione nella progettazione , non solo esortazione morale . ”

Deng ha iniziato la sua carriera di progettazione di lavoro nel Guangdong , in Cina , a volte indicata come la ” fabbrica del mondo “, ed è stata ispirato dai due contrasti della città: la sua vivacità e la bassezza della qualità dei prodotti provenienti dalle sue industrie. “Credo nella produzione di massa , ma cerco sempre di dargli un po’ di ricchezza “, dice lei . ” Questo spiega perché ho ​​scelto di lavorare con i prodotti usa e getta. Possediamo un gran numero di questi oggetti, ma sono assolutamente privi di fascino ” .

Si trasferì in Svizzera per seguire un master in design del prodotto e cominciò a farsi un’idea di quali articoli  necessitassero maggiormente un miglioramento . Ha subito capito che il mondo delle posate aveva bisogno di un rinnovamento e arrivò al concetto di combinare i prodotti freschi e con la produzione di massa . Ha anche voluto avvicinare le bioplastiche in un modo diverso rispetto alla maggior parte dei suoi coetanei . “Mi piacerebbe introdurre alla bioplastica le persone senza l’ausilio delle parole”, dice Deng .


La collezione deve il suo nome al processo di progettazione di Deng . Ogni prodotto nasce dalla fusione della bio-plastica con un vegetale. Le ricerca minuziosa della perfezione delle sue creazioni ha fatto si che la distinzione tra oggetti e vegetali sia praticamente impossibile: perfetti al tatto e alla vista.


I suoi prodotti hanno un tocco artistico , ma la designer cinese  spera di trovare un partner commerciale che possa aiutarla a mantenere basso il costo dei suoi prodotti e rendere i suoi disegni a disposizione di tutti .

Commenti

  1. LUCIO dice

    ciao Paola! Amche io sono un designer in cerca di partner commerciali e per questo ho apprezzato queste posate craft che sono sbalorditive! spero arrivino alla vendite in brevaissimo tempo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>