Salone del Mobile 2014: Giuseppe Bavuso

Il Salone del Mobile è quasi giunto alla sua conclusione. Infatti domenica sarà l’ultima occasione per poter vedere da vicino ed osservare tutte le proposte che il design ha da offrire alla comunità. Dal nostro punto di vista ci sono alcuni prodotti che meritano davvero un’occhiata da vicino. Ad esempio l’architetto e designer Giuseppe Bavuso ha realizzato per Alivar dei complementi arredo davvero unici.

bavuso3

 

Giuseppe Bavuso è nato nel 1959 ed è conosciuto anche in ambito internazionale per i suoi lavori nei quali si fondono insieme perfettamente la ricerca tecnica e tecnologica nell’uso di materiali e tecnologie all’avanguardia e un rigore minimalista davvero unico. Per Alivar un’azienda tutta italiana che nasce nel 1984 ha progettato tre pezzi molto coerenti con il suo lavoro: Diesys, Carol e Liuto che sono rispettivamente una libreria, una poltrona e un tavolo.

bavuso2

 

La collaborazione tra Alivar e Bavuso nasce in modo molto fluido e pulito in quanto l’azienda è conosciuta per la produzione di oggetti in cui la praticità è essenziale e in cui elementi di decoro troppo sfarzosi ed eccessivi vengono evitati.

bavuso1

Dei tre complementi presentati al Salone del Mobile di milano di quest’anno quello che ci piace di più è la libreria Diesys. Questo perché si tratta di un mobile che può essere personalizzato sia in grandezza che nelle finiture e perché la sua linea è semplice e puòessere così inserito in diversi contesti che siano privati o pubblici, per un’abitazione o anche per un ufficio. La struttura portante di diesys è realizzata in acciaio spazzolato. E’ possibile personalizzare la libreria con scaffali in legno, disponibili in diverse laccature oppure con dei cassettini rivestiti in cuoio.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>