Come arredare con i lacci delle scarpe

Scegliere le finiture per la propria casa dandole carattere e personalizzandola non è semplice. Uscire dai canonici stili e colori per dare una propria impronta particolare è impresa non da poco.

Ma spesso basta avere un po’ di fantasia e anche materiali insospettabili possono venire in nostro soccorso.

lacci5

A tal proposito ci è venuto in mente di mostrarvi l’interno di questo negozio di scarpe che si trova a Melbourne. La sua ristrutturazione è stata affidata al designer brasiliano Marko Brajovic che si è ispirato proprio ai carri del carnevale più famoso del mondo per allestirne gli interni.

lacci6

O meglio per dare un tocco personalissimo alle finiture dei soffitti.

Brajovic ha utilizzato circa 30.000 lacci rossi di scarpe ancorati al soffitto per creare curve e forme.

lacci2

Questo allestimento si colloca all’interno di un progetto promosso dalla “Camper” che invita tutti i designer e architetti a creare prodotti unici per gli arredi dei loro negozi.

lacci4

A tal proposito Brajovic ha usato qualcosa che è molto attinente ai prodotti in vendi: le scarpe. Ha usato infatti i lacci di 30.000 scarpe. Li ha scelti tutti rossi.

lacci3

Li ha quindi fissati al soffitto con delle fascette metalliche lasciandone le estremità libere. Ma non si è limitato a fare solo questo. I lacci sono di diversa lunghezza e cercano di replicare la forma di un ciclone. Le onde e le forme sinuose dei lacci abilmente ricreati con un disegno 3D sono un tocco magico all’interno del negozio. Creano movimento.

Tra i lacci sono state inserite anche delle lampade con luce bianca a sospensione, in modo da illuminare l’intero ambiente.

Lacci sono stati usati anche per realizzare la tenda che divide in negozio dal magazzino sul retro.

lacci1

Questo è un metodo molto semplice e sicuramente economico per dare un tocco di originalità a qualsiasi ambiente, anche domestico.

Basterà stabilire in anticipo il disegno o la forma da dare e quindi realizzarla sul soffitto. Poca spesa, massima resa!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>