Come arredare con la carta di riso

La Carta di Riso in realtà non deriva dal riso come potrebbe suggerire il nome. In realtà, è una carta che viene prodotta dal 600 in Giappone ed è di origine vegetale. La carta di riso viene dalla lavorazione di diverse piante: il kozo, la matsumata e il gampi. Le tecniche della lavorazione di queste piante al fine di ottenere della carta non sono semplici, ma il risultato è sorprendente e ha fatto sì che la carta di riso si sia diffusa in tutto il mondo.

Il nome originale della carta di riso è Washi che si compone della parte iniziale Wa, Giappone e si Shi che significa carta.

La carta di riso si presenta molto morbida e setosa al tatto. Ha un aspetto perlato molto bello, è resistente all’umidità e agli insetti e ha un leggero profumo che richiama quello del fieno. Pur avendo un aspetto molto delicato e leggero la carta di riso è un materiale molto resistente e può essere applicata in molti contesti.

Il suo utilizzo in casa è in Giappone molto diffuso, ma anche in Occidente sta acquistando da ormai diversi anni molti estimatori.

Vogliamo suggervi alcuni modi per utilizzare in casa la carta di riso in modo molto facile e assolutamente poco costoso.

Se desiderate dividere uno spazio in casa o semplicemente arricchire una porta con un particolare richiamo al Sol Levante potrete pensare di realizzare o acquistare dei divisori realizzati in carta di riso. Su una struttura in legno si possono stendere dei fogli di carta da ancorare con della colla vinilica o delle puntine. in questo modo otterrete dei divisori molto particolari e che donano all’ambiente fascino ed eleganza.

In commercio è possibile acquistare anche della carta da parati realizzata in carta di riso. In questo modo potrete donare alle vostre pareti un look molto caldo e leggero al contempo semplicemente stendendo i pannelli di carta.

Oppure potrete acquistare delle lampade in carta di riso che si possono appendere o anche appoggiare in terra. Le lampade rivestite in carta di riso emenano una luce pastellata molto gradevole.

Ancora, se vi dilettate di lavori fai da te, usando un po’ di colla vinilica, dei pennelli e dell’acqua potrete rivestire di carta di riso oggetti di uso comune come ciotole, posaceneri, portafoto, ma anche specchi e cornici. Diluendo la colla vinilica con un po’ d’acqua potrete applicare la carta di riso praticamente su ogni materiale senza problemi attraverso la tecnica del découpage.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>