Produrre energia con i mattoni: solar bricks

L’innovazione tecnologica in campo edile va spesso a braccetto con l’ecologia e l’amore per la natura.

Il risparmio energetico e l’assenza di inquinamento la fanno da padrone nello sviluppo di nuove tecnologie da usare nella vita quotidiana. Su questo trend si è sviluppata un’idea grandiosa e semplice al contempo: i solar bricks, ossia i mattoni solari.

Si tratta di mattoni che incorporano la tecnologia dell’accumulo di energia solare ai materiali di costruzione più tradizionali. Le applicazioni di questi tipi di mattoni sono diverse: illuminazione di giardini, di camminamenti, oppure semplicemente decorativa o di sicurezza, ma anche ad esempio nei campi di aviazione privati..

Il mattone solare può essere calpestato sia a piedi che con mezzi senza subire danni strutturali né di performance. All’interno dei mattoni sono collocate delle celle fotovoltaiche di accumulo che immagazzinano l’energia solare durante il giorno per rilasciarla durante la notte grazie a dei sensori che si attivano quando il sole cala al di sotto dei 30lux. Per poi diffondere luce per almeno 8 ore consecutive durante la notte.

Il mattone solare può essere collocato in posizione sia verticale che orizzontale e non necessita passaggi di fili (cablaggi). Inoltre in commercio sono disponibili in diverse colorazioni.

Il solar bricks è un affare sotto diversi punti di vista… il suo costo è abbastanza contenuto: si aggira intorno ai 30/40 €, ma garantisce un risparmio del 50% di energia.

Dopo i pannelli solari, le tegole solari e le piastrelle smart, i mattoni solari sono solo la conseguente soluzione per sostenere uno stile di vita volto al risparmio energetico e a impatto ambientale zero. Il futuro è nella bio edilizia e noi vi terremo aggiornati su tutte le novità!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>