Come arredare con le fibre di fico d’india

Il fico d’india è una delle piante che meglio rappresentano il sud della nostra nazione. Di questa pianta si è soliti usare il frutto o il fiore, ma oggi vi vogliamo parlare di un’azienda salentina che lavorando la fibra della pianta riesce a rivestire mobili e complementi di arredo.

L’intera azienda si trova nell’area salentina in laboratori artigianali. Il procedimento per ricavare la fibra dalla pianta di fico “Sikilandi®” è quasi del tutto manuale ed è abbastanza laborioso. Le fibre vengono estratte dalla foglia della pianta quando è ancora verde ma senza alterarne il ciclo vitale e attraverso una raccolta ecologica fatta senza l’uso di prodotti inquinanti.

sikalindi1

Ogni mobile e oggetto rivestito con la Sikilandi® è unico poiché le fibre creano sia disegni che venature diverse per ogni oggetto creato. Questo procedimento oltreché essere innovativo ha portato all’utilizzo di una parte della pianta che normalmente veniva scartata. Per questo motivo, alla famiglia Rossetti che è a capo di quest’azienda, è stato conferito anche l’”Oscar agricoltura green 2013” che la Coldiretti assegna per le aziende italiane che si distinguono in questo settore.

sikalindi3

La vera fibra di fico d’India è un materiale molto resistente e duttile e si presenza con una peculiare bellezza. La collezione di prodotti in Sikilandi® è molto ampia: tavoli, sedie, panche, specchi, mensole ma anche comodini, portagioie, pannelli decorativi etc…

Vi invitiamo a dare un’occhiata al sito di quest’azienda leccese che ha dato vita a una produzione particolare e unica nel suo genere. Prodotti ecologici e belli che vi faranno restare a bocca aperta!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>