Come arredare con le pareti mobili

Sfruttare tutto lo spazio disponibile che c’è in casa è un’ambizione di molti. ricavare stanze e ambienti quando lo spazio manca è tutt’altro discorso.

Lo studio di architettura PKMN ha creato un appartamento che a seconda di come si sceglie di spostare le pareti divisorie cambia di aspetto e di ambienti. L’appartamento si trova a Madrid ed è stato commissionato allo studio di architettura come ristrutturazione di un appartamento ereditato. L’appartamento finale è stato chiamato “All I Own House”.

pkmn

Essenzialmente l’appartamento ha delgli spazi fissi che sono la zona giorno e il bagno. Mentre ci sono altri ambienti che possono comparire o scomparire a seconda delle esigenze; e questi sono la cucina, la camera da letto e lo studio. La PKMN ha usato il OSB ossia l’Oriented Strand Board, un materiale molto concreto ma molto più economico del compensato.

pkmn1

Le unità si muovono su ruote e tracce al soffitto che servono per l’orientamento. Le pareti che si muovono appaiono come delle scaffalature che i proprietari usano come librerie. La bellezza di questo sistema è che la casa di volta in volta può cambiare di aspetto e funzione per poter incontrare al meglio le esigenze dei suoi occupanti.

pkmn2

Questa idea è davvero comoda e intelligente da sfruttare soprattutto per gli ambienti che sono piccoli e difficili da arredare. Ovviamente sia la cucina che la camenra da letto non sono le consuete. Infatti chiudendo la parete della cucina il piano di lavoro scompare. Il letto della camera viene incorporato in una delle pareti e tirato giù tramite delle corde quando necessario.

pkmn3

In questo modo inoltre la zona più vissuta della casa che corrisponde alla stanza da pranzo e al salotto occupa la maggior parte della casa e può essere ampliata a piacimento semplicemente spostando uno dei muri.

Un’idea semplice e geniale!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>