Come arredare in stile africano

Calore, intensità e fascino per luoghi lontani sono le caratteristiche principali dello stile etnico africano.

Questo stile è approdato prepotentemente in Italia da alcuni anni e fortunatamente oggi è possibile trovare senza difficoltà rivenditori che importano mobili e suppellettili originali.

I mobili dello stile africano hanno linee pulite e sono realizzati in legno. Le superfici possono essere lisce o intarsiate e il gioco con i colori caldi della terra è molto frequente. Il rosso, il marrone, il verde, l’ocra, l’oro e il giallo sono le tonalità che vengono usate nella realizzazione dei mobili in stile africano.

Le sedute possono essere dei divani realizzati in fibre naturali intrecciate e poi rivestiti da grandi cuscini o anche delle sedie interamente in legno. Avrete sicuramente trovato nei mercatini le famose sedie in legno a forma di mano che sono frequenti in questo tipo di arredamento.

Anche i quadri che di solito raffigurano scene di lavoro o animali sono un must per chi desidera arredare la propria casa secondo questo stile.

Altri elementi che caratterizzano questo stile sono le candele profumate, i portaincenso, i pouf rivestiti in pelle, i tessuti colorati che si possono usare per rivestire i divani e gli immancabili tappeti.

Ma attenzione a non fare troppo o sbagliare. Passare dallo stile africano allo stile barzelletta è un attimo. Se inserire un mobile etnico in un contesto moderno è considerato estremamente chic, fare il contrario potrebbe risultare pesante e assolutamente fuori luogo.

Ma vi assicuriamo che con pochi piccoli accorgimenti, qualche tappa nei mercatini delle pulci e vedrete che il vostro stile etnico africano si manifesterà con facilità e la vostra casa sarà calda e accogliente come non mai.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>