Come arredare la camera da letto in stile giapponese

Per gli esterofili amanti di arredamenti inconsueti e magari che si rifanno a uno stile particolare oggi vogliamo suggerirvi alcune accortezze per arredare la vostra camera da letto in stile giapponese.

Lo stile giapponese predilige forme geometriche semplici, colori tenui e arredamenti minimali. Il risultato è uno spazio fresco e arioso, tranquillo ed estremamente rilassato.

Ma giocando con i giusti colori e decori è anche possibile ricreare ambienti seducenti che richiamano alle geishe e ai samurai.

Come abbiamo già detto in una stanza in stile giapponese non sono necessari troppi elementi, ma alcuni sono decisivi.

Una delle prime cose che vanno scelte è il “tatami”. Si tratta di stuoie realizzate in paglia di riso pressata e che sono abbastanza spesse. La parte in riso viene ricoperta con giunco intrecciato chiamato “igusa” e i bordi sono chiusi con della stoffa che è determinante per stabilire il pregio del tatami stesso.

Il tatami va posto in terra e sopra ad esso viene steso il “futon” ossia letteralmente tradotto “ materasso che si arrotola”. Questo perché capita che nelle case giapponesi non esista proprio una vera e propria camera da letto in casa, ossia quando è ora di dormire, stendono il futon anche in soggiorno et voilà.

Il futon classico è realizzato con falde stratificate di cotone poi ricoperte con una fodera di cotone. Anche se il metodo originale prevede che il futon venga steso direttamente sul tatami è possibile disporlo anche sopra delle doghe o su un letto in legno o bambù.

La stanza in stile giapponese potrebbe anche essere completa così ma potete anche fare delle varianti giocando ad esempio con le porte scorrevoli giapponesi realizzate in carta di riso, per realizzare delle cabine armadio.

Come dicevamo in precedenza preferite tinte chiare o pastello per dipingere le pareti e il gioco è fatto, la vostra stanza in stile giapponese sarà pronta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>