Il trasloco


Come effettuare un trasloco

Sicuramente nella vostra vita prima o poi vi capiterà di fare un trasloco,o per motivi di studio o di lavoro  in un’altra città o perché cupido ha scoccato la sua freccia troppo lontano dalla vostra città natale. E allora quando vi capiterà di trovarvi in questa situazione, sarà bene essere preparati e armati di pazienza e tempo a disposizione, perché traslocare significa sostanzialmente spostare da un posto ad un altro tutta la vostra vita, ricca, anzi sovraffollata  di oggetti che nel corso degli anni avete acquistato per necessità o meno.

I traslochi che potreste affrontare si dividono sostanzialmente in due tipi: il trasloco fai da te oppure quello effettuato da una ditta specializzata. Il trasloco fai da te potrebbe a sua volta diventare un “fai - by family” o “fai -by friends”, ossia si assoldano amici e parenti per svolgere assieme tutte le varie fasi che compongono un trasloco.



La scelta tra questi due tipi di trasloco ovviamente dipende dai soldi e dal tempo che avete a disposizione e dalla vostra innata capacità di svolgere lavori pesanti e manuali. Ovviamente se un vostro parente è un traslocatore professionista, beh sapete allora a chi rivolgervi potendo in una sola volta risparmiare soldi e fatica!

Ma andiamo avanti. A seconda di ciò che deve essere traslocato, se tutta la casa esclusi i muri o solo alcuni mobili e oggetti privati, la prima cosa da fare in assoluto è stilare una lista. In questa lista, che deve assolutamente essere redatta almeno qualche mese prima dell’intera operazione,  si devono elencare tutti gli oggetti e i mobili e per ognuno di questi deve essere lasciato uno spazio affianco in cui al momento del trasloco si segnalerà lo scatolone dove poter poi rintracciare durante il disimballaggio a trasloco avvenuto.

Stilata la lista preventivamente, si passa alla seconda fase che consiste nella ricerca di tutti gli strumenti necessari per imballare comodamente oggetti/mobili. Questa fase ovviamente deve essere svolta sia che si faccia un trasloco fai da te sia che si chiami una ditta specializzata a meno che non si dia a quest’ultima come compito anche quello di imballare e disimballare le vostre cose.
Qui di seguito tutto il nécessaire per l’imballaggio:

  • Scatoloni resistenti di varie misure (piccoli, medi e maxi) per imballaggio. Anche qui si può risparmiare e riciclare allo stesso tempo, chiedendo a qualche negoziante (nei supermercati l’offerta è maggiore) se ha qualche scatolone che non utilizza più.
  • Carta o etichette e pennarelli per poter segnalare ciò che andrete di volta in volta ad inserire nelle varie scatole
  • scotch ultraresistente con forbici o cutter
     
  • carta di giornale o pellicola pluriball per avvolgere tutti i vostri oggetti più delicati.
  • Giraviti e utensili vari per smontare i vostri mobili con sacchetti in cui inserirete i vari piccoli pezzi di ferramenta

traslocare       come traslocare

Consigli utili per l’imballaggio:

  • avvolgere con più strati di carta di giornale tutti ciò che è veramente delicato (piatti, bicchieri, vasi, cornici) e poi chiudere l’imballo con un strato di pellicola di pluriball
  • scrivere FRAGILE all’esterno degli scatoloni in cui inserirete i vostri oggetti più delicati
  • non appesantire troppo gli scatoloni ad esempio con troppi libri, rischierete di fare qualche strappo alla schiena che oltre ad essere doloroso potrebbe mettere in stand by il vostro trasloco e tutte le altre vostre attività quotidiane
  • fare etichette di colore diverso per gli oggetti di ogni stanza in modo che al momento del trasporto dalla vecchia casa a quella nuova possiate direttamente posizionare gli scatoloni nelle rispettive stanze.  

Nel caso in cui vi affidiate ad una ditta specializzata di traslochi, dovete sapere che il costo dipende da una serie di fattori come ad esempio:

    • la distanza dal punto A al punto B
    • i giorni o le ore di lavoro
    • le persone che devono essere attivate per il trasloco
    • i vari piani delle case in cui le varie manovre devono essere effettuate. Questo incide particolarmente, poiché se si tratta di traslocare in un secondo piano o via salendo, ci sarà bisogno di elevatori o piattaforme aeree
    • la quantità dei mobili
    • la presenza o meno di ascensore all’interno del condominio di riferimento
    • le assicurazioni sugli oggetti e sulla responsabilità civile in caso di danni a cose o persone.

Anche in questo caso è bene agire per tempo. Iniziare a cercare le varie ditte che si occupano di traslochi e fra quelle presenti nel mercato, selezionarne almeno tre e chiedere i preventivi per poter poi effettuare un confronto che porterà ad una scelta dal punto di vista economico.

Una volta che si è scelto che tipo di trasloco fare e aver eseguito tutte le fasi preliminari assicurarsi di non lasciarsi dietro delle incombenze burocratiche  che a lungo andare potrebbero rivelarsi una vera seccatura.

Quindi al momento di un trasloco ricordarsi di:

  • disdire le utenze di luce, gas, internet/telefono, acqua e rifiuti
  • trasferire la corrispondenza al nuovo indirizzo
  • nel caso di cambio di città, ricordarsi di cambiare la residenza al momento dell’arrivo nel nuovo comune
  • rivolgersi alla asl di riferimento del nuovo comune per richiedere il medico di base

In ultimo ma non meno importante ricordarsi di salutare tutte le persone che in quella città in cui avete vissuto, hanno reso speciale la vostra permanenza e comunicare loro il vostro nuovo indirizzo.

 


Approfondimenti Traslochi